25 luglio 2014












Buon estate a tutti!

L'estate è arrivata finalmente e speriamo non solo secondo il calendario...
L'estate che sa di brezza marina,  di sale e d' anguria , l'estate che scalda e lascia la nostra pelle ambrata,  che fa cantare le cicale e ci regala una luce morbida e dorata fino a sera... Siete già in vacanza?  O siete ancora in ufficio e rimarrete li tutto l'Agosto? Non fa niente, qualunque sia il vostro progetto per il resto dell'estate non potete fare meno di una guida illustrata  ai piatti unici alternativi e insalate.cioè del mio primo libro!!!! .-))))))

E allora ve lo regalo!!
Quindi si, questo è un GIVEAWAY con delle regole molto -molto semplici e con un regalo molto estivo! Un Kit per preparare favolose  insalate e piatti unici.: 
il mio libro con 70 ricette di insalate coloratissime ed un set di 3 coltelli.
Uno per tagliare l’anguria (guardate che simpatico! ) uno per affettare le cipolle  e uno per tagliare a spicchi i pomodori!!









Le cose da fare per assicurarsi di essere nella lista dei potenziali vincitori: 

1) Esporre su vostro blog il banner del GIVEAWAY (vedi sotto)  con link a questo post



2) Pubblicare sul vostro  account Facebook &  twitter  l'immagine del banner e il link a questo post. 
 3) Lasciare un commento a questo post.

E' semplice vero? 

Il GIVEAWAY chiude  Venerdi 22 Agosto, la vincitrice o il vincitore verrà sorteggiato il 24 Agosto   !


Vi aspetto numerosi !


SUMMER GIVEAWAY !  - NYARI AJANDEKOZAS!


Vègre ide èrt  a nyàr, legalàbb is remèljuk !
Imàdom a nyarat,  a boromet melegito napsugarakat a frissito tengeri szellot, a kabòcàk hangjàt, a tenger sòs izèt, a gorogdinnye illatàt !
Volt màr nyaralàs nàlatok  vagy mèg mindig az irodàban ultok?
Akàrmi  is a nyàri programotok  szerintem jòl jonne nektek egy  szèp, szines, fotòs salàta recept konyv nem?  (Vagyis az èn elso recept gyujtemènyem!!!) :-)

Akkor …nektek adom!!

Igen ez egy ajàndèkozòs poszt  ( vagyis Giveaway) . A szabàlyok nagyon egyszeruek! 

Aki szeretnè megnyerni a recept konyvemet ès a hàrom ,  gorogdinnye, hagyma ès paradicsom szeletelèsre szànt szines ès  nagyszeru konyhakès kèszletet (fotò itt feljebb) az :

1) Tegye fel a blogjàra  a  GIVEAWAY bannerjàt  ès  linkeljen ehhez a poszthoz:



2) Publikàlja a Facebook ès  twitter profiljàn a bannert ès a linket.

3) Irjon ide egy kommentàrt

Ugye hogy egyszeru?

Agusztus 22 –ig lehet jàtszani , a gyoztest Agusztus 24-èn sorsoljuk!

Jò szerencsèt mindenkinek!!!




03 luglio 2014









Da un bel pezzo che non pubblico  racconti di viaggio. Ho capito che se non mi metto a scrivere il post ancora durante le vacanze  una volta rientrata non riesco poi a trovare il tempo per raccontare tutto. Mentre  vi scrivo sono ancora in viaggio  ma il post sarà  pubblicato solo al mio ritorno.
Questo post potrebbe essere la seconda parte di un mio vecchio racconto : 10 cose da fare in Salento , completando cosi il viaggio attraverso la meravigliosa Puglia.

Quindi quest'anno abbiamo deciso di fare il giro del Gargano in moto. Abbiamo spedito la moto a Bari (sarebbe stato bello fare tutto il viaggio in moto da Spotorno a Bari, magari con qualche tappa in più, ma chi ha cosi tanti giorni di ferie oggigiorno?) quindi abbiamo preso l'aereo  e siamo andati a ritirare la "bestia"   a Bari.

Ho deciso di non fare un racconto cronologico  del viaggio e mi scuso in anticipo se lascio fuori qualche posto o evento importante che sicuramente meriterebbe una visita.
Inoltre  le 10 cose da fare non sono elencate in ordine di importanza ma cosi come mi sono venute in mente ed in base della mia esperienza di viaggio! Insomma voglio dire che questo è un diario personale e quanto tale non deve essere considerato come una guida ufficiale.


Itinerario: Modugno - Castel Del Monte - Montegrosso - Mattinata - San Giovanni Rotondo - Monte Sant'Angelo -  Vieste - Isole Tremiti -  Vico del Gargano - Peschici


1)  Castel del Monte. Se state facendo la statale da Bari verso Manfredonia fate  una visita a Castel del Monte  ( vicino ad Andria) per ammirare il castello ottagonale  di Federico secondo, dichiarato patrimonio del Unesco. Non vi porterà via tanto tempo,  il castello  da fuori imponente si rivela non troppo grande all'interno e piuttosto spoglio. Ma la sua architettura particolare ( non ha niente di tutto ciò che un castello 'normale' dovrebbe avere) merita una visita!
Fornisce anche un'ottima scusa per fermarsi nelle vicinanze ( a Montegrosso )per un pranzo Luculliano!

Il Castello ottagonale di Ferdinando II a Castel del Momte




2) Ristorante Antichi Sapori, Montegrosso
La simpatia e l' accoglienza dei pugliesi è incredibile, sono sempre pronti a dare buoni consigli  o ad aiutare i forestieri cosi tra  un semaforo e l'altro lungo la via che passa da Modugno a Molfetta  senza chiedere niente, veniamo indirizzati  da altri motociclisti al ristorante Antichi Sapori di Montegrosso.
Il paesino e situato sulla Murga. Da Castel del Monte facciamo qualche chilometro di strada tra uliveti e frutteti senza incontrare anima viva ma all'arrivo troviamo il ristorante di Pietro Zito,  chef plurimpremiato. Segnalato da tutte le guide ( oltre che dei  motociclisti locali) Michelin, gambero Rosso, Slowfood, Tripadvisor etc,, il locale è  all'altezza della sua fama: la materia prima proviene dall'orto  dello stesso chef, le verdure fresche, il grano arso, la carne di asino,  la ricotta sono freschissimi e di alta qualità. Dopo una sfilza di antipasti buonissimi ( sformato di melanzane e fiori di zucca ripieni di ricotta con salsa ristretta di pomodori al forno, ricotta fresca e sedano caramellato, focaccine preparate con il grano arso, cipolle rosse caramellate con pecorino, zucchine alla poveretta etc...) lo chef ci stupisce con le orecchiette ai germogli di zucchine, ricotta dura e salsina di pomodori al forno, troccoli ai filetti di melanzane, ricotta dura e pomodori sempre al forno, accompagnati da un calice di vino rosso meravigliosamente morbido.
Siamo al limite della capienza ma per fortuna su insistenza del cameriere assaggiamo la soffice cassata con la crosticina di cioccolato fondente che è semplicemente sublime!
Il prezzo?? Al nord ce la sogniamo un conto cosi!!
Purtroppo la capienza della moto non ci permette di comprare i prodotti in vendita al ristorante come i grossi e buonissimi taralli, olio  e vino...

ripartiamo sazi e felici ...


3) Monte Sant'Angelo.
Cosa mi piace di piú di questo paese? (Italia intendo) che mentre sei in giro, e quando meno te l'aspetti trovi dei posti di una bellezza sorprendente. Mentre pianifichiamo le gite nei intorni di Mattinata i locali ci consigliano di andare a visitare Monte Sant'Angelo. La cittadina tutta bianca sembra dipinta sulla cima della collina. Il suo pezzo forte è il santuario di San Michele Arcangelo, un altro sito del patrimonio dell'umanità (UNESCO)  un vero gioiello scolpito nella pietra...nel senso piú stretto della parola. L'altare si trova dentro in una grande grotta bellissima con un'acustica sorprendente! Mi raccomando visitatela, è stupefacente!

Monte Sant'Angelo

4) San Giovanni Rotondo
La visita da Padre Pio avevo già pianificato da tempo... non posso definirmi credente visto che sono cresciuta nel blocco comunista le mie idee su Dio, la chiesa, la religione sono molto confuse. In chiesa ci vado solo per ammirare l'architettura o per i battesimi peró come tutti gli esseri umani mi viene naturale rivolgermi ad un'entitá sovrannaturale quando mi trovo in difficoltá.. é successo cosi che dopo una preghiera un po fai da te rivolto a Padre Pio sono stata 'miracolata' quindi ho fatto la promessa di fare una visita al santuario appena mi era possibile. San Giovanni Rotondo é una cittadina benestante grazie a Padre Pio che attira i pellegrini da tutto il mondo. La nuova chiesa é bella ( per quanto detesto le chiese moderne questa mi ha conquistata con la sua atmosfera extraterrestre. Il santuario, dove é esposto il corpo di Padre Pio é ricoperto di bellissimi mosaici dorati. Ma mi ha emozionata molto di piü  la fila davanti la statua di Padre Pio nella vecchia chiesa : i pellegrini toccano la mano della statua in segno di gratitudine, devozione o richiesta d'aiuto.


5) Vieste  e Il Capriccio

Vieste non è esattamente il posto di mare che normalmente preferiamo almeno, cosi abbiamo pensato vedendo la spiaggia chilometrica che si è  aperta davanti a noi all'arrivo da Mattinata. Io al posto delle spiagge sabbiose e chilometriche preferisco le calette piccole, detesto la folla quindi preferisco un albergo isolato su una roccia a picco sul mare piuttosto che avere la camera di fronte alla spiaggia.
Ma dopo qualche giorno questa cittadina bianca sospesa tra il cielo e il mare blu è stata capace di conquistarci con i suoi vicoli pieni di vita e prelibatezze !

Comunque il Gargano offre anche tante piccole baie con sabbia o rocce basta spostarsi da Vieste in qualsiasi direzione.  Abbiamo anche  trovato un grazioso residence sopra la città sulla cima di una collina ricoperto di ulivi  con una vista meravigliosa sul mare (indirizzi sotto il post)

Già il primo giorno dopo il nostro arrivo sono stata tentata da una recensione di un ristorante rinomato della città  quindi non mi restava che verificare...
Il ristorante in questione si chiama Il Capriccio e si trova nel porto turistico di Vieste. Vi avviso in anticipo, il conto qui è  più salato..ma se avete voglia di una cenetta romantica chic è il posto giusto. Tanto per cominciare si mangia sul molo tra le imbarcazioni con un sottofondo di musica soft  e cigolio di barche, il cibo è ottimo e se non badate alle spese e volete stupire il vostro partner potete assaggiare le creazioni innovative dello chef  Leonardo Vescera accompagnati da una bottiglia di champagne Krug ( a seconda del tipo il prezzo oscilla da 70 a 250 euro a bottiglia) ..... se invece come noi, dovete comunque stare attenti, potete scegliete tra i menu fissi di tradizione o degustazione che hanno un prezzo molto più accessibile. Attenzione al vino, anche bevuto  ' a calice' alza molto il conto finale! Comunque il polpo arrosto con salsa di fave,  le orecchiette con cima di rape, pomodori secchi, acciughe e pane croccante, il fritto misto con verdurine a julienne accompagnato da salse di rape rosse, sono ottimi , le porzioni giuste.

I vicoli di Vieste  -  Un trabucco, antica macchina da pesca



Vieste by night


6) Il mercato di Vieste

Un mio grande desiderio da sempre è di poter fare la spesa al mercato. purtroppo  i miei orari di lavoro sono incompatibili con il calendario dei mercati così quando sono in vacanza cerco di godermi i banchi colmi di frutta e verdure profumati  e colorati. A Vieste c e il mercato fisso aperto fino a sera che offre tutti i prodotti tipici della zona : olive gigantesche e colorate di Cerignola, i lampascioni, mozzarelle freschissime, caciocavallo, intrecci di aglio e peperoncini secchi e freschi, taralli salati o dolci ricoperti di mandorle, un infinità di vasetti colorati colmi di peperoncini ripieni, cipolline, capperi, cucunci in tutte le salse, bottiglie di pregiato olio d'oliva e mazzi di origano secco.
Dopo qualche giorno abbiamo deciso di ignorare i ristoranti e pizzerie  e fare la spesa al mercato per la cena  a base di bruschette giganti con pomodorini, cucunci, rucola selvatica, mozzarelline fresche e tanto buon olio!

Cacciocavallo - Mercato di Vieste 


Olive di Cerignola, lampascioni, pomodori e mazzi di origano secco



7)  Peschici, il gelato di Michel

Peschici é un altro paesino candido fluttuante tra mare e il cielo che abbiamo attraversato quasi solo per passaggio. Ma ormai ho sviluppato un fiuto per il cibo buono cosi come un cane da tartufo attirato dal profumo del prezioso tubero sono finita nella  gelateria di Michel.
Attenzione , il paesino é pieno di venditori ambulanti di granite, quelle con  colori improbabili e molto intensi..voi non vi lasciate tentare da quella robaccia, tirate dritto nella gelateria di Michel, e gustatevi le sue granite favolose fatte con frutta fresca ( more selvatiche della foresta Umbra, limoni di Amalfi, mandorle siciliane, pesche, anguria...etc) oppure fatevi tentare dai suoi gelati
gustosissimi!

Peschici


8) La foresta Umbra e i dolci di Pizzicato
Dove vai in moto se piove? normalmente da nessuna parte...però  quando si é in vacanza  non c è tempo da perdere quindi un salto alla foresta umbra (ombrosa ) si può fare anche con la pioggerellina. La foresta è  bellissima ma se volete visitarla copritevi.
Gli alberi (faggi, aceri) sono meravigliosi ma cosi grossi che impediscono  al sole di penetrare le loro chiome ( che comunque non c'era) quindi fa freddo! Percorso consigliato?
Da Vieste andate fino a Vico del Gargano, fate una sosta da Pizzicato, bar, pasticceria pluripremiata (è difficilissimo se non impossibile fare la dieta in Puglia...) dove potete assaggiare i loro dolci fantastici, gelato artigianale, latte di mandorle appena spremute e tutto con una ridotta quantità di zucchero...chi avrebbe mai pensato di trovare tale meraviglie in mezzo alla foresta??  Proseguite poi sulla strada statale 89 che vi porta a Peschici.

Laghetto nella Foresta Umbra 


9) Le isole Tremiti

Non so perché ma nella mia immaginazione queste isole erano molto più grosse ...
l'arcipelago comprende  5 isole : San Nicola, San Domino, Capraia, Pianosa, e il Cretaccio ( che praticamente  è uno scoglio). Noi abbiamo preso il giro in barca di tutte le isole ( fatto in meno di un ora) anche per vedere eventuali spiagge raggiungibili solo dal mare. La gita,  prenotabbile al porto turistico di Vieste comprende anche il traghettamento tra le due isole maggiori San Nicola e San Domino. Alle spalle del porto di San Domino troverete una spiaggia meravigliosa ma molto affollata dove è possibile fare il bagno. La visita invece al castello di San Nicola  risultato un po'  deludente , l'abbazia-fortezza sembra un cantiere  abbandonato a se stesso ( rispecchia perfettamente la gestione disastrosa del patrimonio culturale /storico dell'Italia del sud...)   ma si possono fare foto meravigliose dall'alto.

Isole Tremiti - vista dalla fortezza 


10) Il giro delle grotte e le spiagge

Adesso, parlando col senno di poi direi che nel Gargano ci si deve andare con la barca non con la moto ma siccome la barca non ce l'ho ...
Raccomando caldamente a tutti di fare la gita delle Grotte del Gargano, con 13-15 euro potete visitarle anche da dentro ( incredibile dove non s'infilano questi barconi ) e vedrete che meraviglie!  Le barche partono dal porto turistico di Vieste, la gita dura circa 3 ore con una mezz'oretta di sosta sulla spiaggia di Vignanotica. Portate la macchina fotografica opportunamente protetta dagli schizzi dell'acqua salata!






Le spiagge piú belle? Tutte! Purtroppo alcune baie sono proprietá privata  ( come quella che vedete sulla foto sotto, baia delle Zagare) con tanto di cancello che impedisce l'accesso: non arrendetevi, alcuni resorts o camping permettono l'accesso alla spiaggia (rigorosamente senza macchina o moto) a condizione di lasciare un documento alla reception , basta chiedere! In ogni caso tra Mattinata e Vieste consiglio la baia di Mattinatella la spiaggia di Vignanotica, tra Vieste e Peschici mi è piaciuto molto Cala Lunga, una baia riparata e ben attrezzata. Ma credetemi ci sono decine di altre spiagge attrezzate o non, una più bella dell'altra!

Baia delle Zagare



Indirizzi:

Alberghi 
Villa Scapone SPA & Resort - Mattinata 
http://www.villascapone.it/it/home/

Residence MareSol , Vieste 
http://www.maresolvieste.it/


Ristoranti & Gelaterie 

Antichi Sapori di Pietro Zito , Montegrosso
Chiuso Sabato sera e Domenica
http://antichisapori.pietrozito.it/

Il Capriccio  di Leonardo Vescera,  Vieste 
Loc. Porto Turistico
http://www.ilcapricciodivieste.it/

Gelateria Michel - Peschici
Piazza del Popolo,  5

Pizzicato Bar ( Pasticceria-Gelateria)  - Vico del Gargano
Via del Risorgimento 14
http://pizzicatomandorla.com/

18 giugno 2014











Eccomi qui …
Questa volta torno sulle pagine del mio blog con una scusa più che plausibile per giustificare la mia continua assenza!

La tengo tra le mani questa scusa e mi sento contenta ed appagata come non mai.

Da un anno a questa parte passo  tutti weekend a fotografare (fate caso: non sto usando il passato prossimo...ma il presente..quindi ho nuove sorprese in cantiere!)    Ed ecco il risultato






Quante cose ho imparato durante quest’ultimo anno! Ho imparato che tra il dire e fare c è in mezzo il mare…
Che si fa presto di  dire ‘faccio un libro’  ma poi... le pagine devono essere riempite , di foto  ma anche di ricette e testi.
E allora ci si scopre inadeguati, e ci si rende conto che da fuori sembra tutto sempre più facile e che  c è tanto ma tanto da imparare ! Ma importante è cominciare da qualche parte, non è vero?

Quindi sono qui con questa notizia:  è uscito il mio primo libro , una raccolta di ricette di insalate e piatti freddi, tutti provati, e fotografati dalla sottoscritta. Troverete ricette classiche, un po’ reinterpretate , veloci , colorate, gourmet… 70 ricette per superare con leggerezza e freschezza   un caldo estate !  Le insalate  sono divise in 7 categorie, ce ne sono per tutti i gusti; Sprint, Colorate, Gourmet,  Famose, Rinforzate, Marinare ed Orientali.




Non voglio dilungarmi troppo, solo vorrei ringraziare la mia famiglia e  l’editrice Arsenale che mi ha dato fiducia e un grazie di cuore anche e voi,  lettori del blog senza di voi probabilmente non mi sarei mai spinta  fin qui!


Il libro è disponibile nelle principali librerie ma potete anche comprarla sul sito della casa editrice




Detto questo ecco un’ assaggino  dal libro,  colorato e gustoso, perfetto per una cena di inizio estate !


 Couscous con salmone marinato al forno 

 ~ dal libro:  Insalate  ~






Ingredienti x 4 

250 g di couscous (cottura veloce) 
300 g di filetto di salmone
Un limone
Un cucchiaio scarso di Harissa
Un cucchiaino di semi di coriandolo
Uno spicchio d’aglio
Un mazzo di prezzemolo
Olio d’oliva extravergine qb
Vendita



In una ciotola emulsionate 5-6 cucchiai di olio d’oliva con il succo di un limone, un cucchiaino di harissa, i semi di coriandolo pestati. Salate, aggiungete  uno spicchio d’aglio schiacciato e  lasciate riposare la marinata per  circa 10 minuti.
Foderate la placca del forno o una teglia con la carta da forno. Accomodate il filetto
di salmone  sulla carta, irroratelo con qualche cucchiaio di marinata e passatelo sotto il grill per 10-15 minuti circa. Il pesce deve essere cotto e dorato in superficie.
Nel frattempo preparate il couscous secondo le istruzioni indicate sulla confezione.
Tritate finemente il prezzemolo. Tagliate il salmone a pezzi, eliminate la pelle o eventuali lische. Condite il couscous con il resto della marinata  e  il prezzemolo. Unite i pezzi di salmone. Regolate sale, olio, aggiungete altro  succo di limone se è necessario e servite.


Couscous with marinated salmon 

 ~ from my first cookbook   ~


Ingredients x 4 

250 g couscous
300 g fresh salmon fillet
1 lemon
A tablespoon of Harissa
A tablespoon of coriander seeds or fresh coriander
A clove of garlic
A bunch of parsley
Olive oil extravirgin
Salt

Preheat oven at 180 C
Mix 5-6 tablespoon of olive oli with the lemon juice, a tablespoon of Harissa, and crushed coriander seeds. Add the minced garlic clove, salt.
Pour this mixture over the salmon fillet.and marinate for at least 10-15 minutes.
Cover your baking sheet with parchement paper , place the salmon fillet  on the sheet season with marinade   and cook it in the oven for 15-20 minutes
The salmon fillet must be well cooked but be careful the fillet must be soft and not too dry.
Prepare the couscous as per cooking  instructions on the packaging. Finely chop parsley. Cut the salmoni into big cubes, remove fishbones and the skin.
Season the couscous with the rest of marinade , add the finely chopped parsley and salmon cubes. Serve  it immediately.





Couscous pàcolt lazaccal 

 ~ az elso szakàcskonyvembol   ~



250 g couscous
300 g friss lazac filè
1 citrom
Egy  kanàl Harissa
Egy  kanàl durvàn orolt coriander  
Egy gerezd fokhagyma
Egy csokor petrezselyem
Oliva olaj

A sutot 180 °C –ra elomelegitjuk.
5-6 kanàl olivaolajat osszekeverunk egy citrom levèvel, egy kanàl Harisszàval, a durvàn orolt coriander magokkal. Beletesszunk egy gerezd, osszenyomott fokhagymàt, sòzzuk.
A pàclèt a lazacra ontjuk ès hagyjuk minimum 15  percet àllni.
A lazacot sutotàlba vagy sutopapirral kibèlelt tepsire tesszuk, meglocsoljuk a pàclèvel majd 15 -20 percig sutjuk.
Figyeljunk rà hogy ne szàradjon ki tùlzottan , a teteje szèp aranyra suljon. Mikor megsult.eltàvolitjuk a borèt ès halszàlkàkat majd feldaraboljuk.
A couscous-t a csomagon lèvo fozèsi utasitàsok szerint elkèszitjuk. A maradèk pàclèvel izesitjuk, frissen vàgott petrezselymet teszunk bele. Ha kell olajat is onthetunk mèg rà. A
vègèn hozzàadjuk a feldarabolt lazacot. Rogton tàlaljuk. Hidegem is jò.



18 aprile 2014
















Non so da dove ricominciare...
Per prima cosa chiedo scusa per la mia lunga assenza!
Ormai  quasi  da un anno che passo ogni weekend  lavorando quindi mi rimane pochissimo tempo per il blog ma spero di portare qui fra poco, su queste pagine  i primi frutti del mio  lavoro. Fra pochissimo … Un poco di pazienza ancora!

Intanto qualcosa di nuovo da farvi vedere subito c è l'ho :  ho finalmente realizzato il  mio primo portfolio fotografico on-line! Se volete dare un occhiata cliccate qui:  www.anikoszabo.eu

Sul sito ci sono, ci saranno anche delle ricette, tutti in inglese però .... ma non Vi preoccupate, 
qui su Paprika & Paprika troverete la versione italiana di tutte le prelibatezze!

Per farmi perdonare oggi vi ho portato questi piccoli e  deliziosi hamburger di salmone ..chi sa potrebbero stare bene nel cestino del pic nic da portare dietro alla gita di Pasquetta!

Ah ecco , Pasquetta, io sono già in partenza, passo la Pasqua fuori casa  quindi ci rivediamo dopo le feste!  Vi auguro a tutti Buona Pasqua!






Piccoli e deliziosi hamburger di salmone 


400 g filetto di salmone senza lische
1 uovo

1 cucchiaio di germogli di soia

4 foglie di menta

4 cucchiaio di pane grattugiato

2 cucchiaino di pasta di curry rosso

2 cipollotti finemente tritati 
Una manciate di fave fresche, pulite

foglioline di menta fresca
sale
1 lime
Olio per friggere

Tagliate il filetto a cubetti, passatelo al mixer  insieme un uovo, la soia, le fave pulite,
qualche fogliolina di menta finemente tritata, il pane grattugiato, la pasta di curry. 
Mettete il composto in una ciotola e solo alla fine aggiungete i cipollotti tritati, regolate il sale. 
Formate 8 hamburger piccoli. Scaldate l'olio in una padella antiaderente e friggete gli hamburger  
circa 5 minuti per lato, fino a completa doratura. 
Servite gli hamburger con piccoli panini al sesamo e una fettina di lime.





Delicious mini salmon burgers

400 g fresh skinless salmon
8 mini buns with sesame seeds
An egg
1 tablespoon of soy sprouts
Fresh mint leaves
4 tablespoon of breadcrumbs
2 teaspoon of red  curry cream
2  spring onions
50 g of fresh favabeans already shelled
One lime
salt
oil  for frying

Cut the salmon into small pieces and put in the food processor with the egg, soy sprouds, 
favabeans, breadcrumbs and red curry paste and blend everything well. Salt. 
Add chopped spring onion  then form a little hamburgers.

In a large pan heat the oil  and fry hamburgers until golden, 5-6 minutes on each side.
 Serve the mini burgers with buns , a slice of lime and some fresh mint leaves.

27 dicembre 2013

Un insalata per Natale...





Un insalata buonissima da vero gourmet, perfetta per il pranzo di Natale ! Potete usare sia la bottarga già gratugiata sia quella intera ridotto in scaglie.
(rewind : restyling old posts) 


                                                Scroll down for the recipe in english 



80 g di spinaci novelli
2 carciofi
6 rapanelli
2 manciate di rucola
Finocchietto selvatico
Bottarga di muggine grattugiata
Il succo di un limone
Olio extravergine d’oliva
  
Mondate i carciofi , tagliateli a metà eliminate il fieno,
affettateli sottili e bagnateli con metà del succo di limone.
Affettate finemente anche i rapanelli .
Lavate e asciugate le foglie degli spinacini.
Disporrete su un piatto gli spinacini,
i carciofi , i rapanelli, le foglie di rucola e finocchietto.
Condite l’insalata con succo di limone e l’olio.
Cospargetela con la bottarga grattugiata.
Io non ho messo il sale perché la bottarga è già salata.


 Babyparaj salàta szàraz halikràval


Szines, elegàns, igazi gourmet salàta, tokèletes az unnepi ebèdhez. A szàritott halikràt nem muszàj reszelni lehet vèkony szeleteket is szòrni a salàtàra.



Hozzàvalòk
80 g babyparaj
2 articsóka
6 hònapos retek
A 2 marék rucola
Édeskömény levelek
Az egyik citrom levét
Extra szűz olívaolaj

Megpucoltam ès vèkony cikkelyekre vàgtam az articsókàt,,
majd meglocsoltam egy fèl citrom levèvel hogy ne feketedjen
 be .Megmostam ès felvàgtam vèkony szeletekre a retket is .
Megmostam ès megszàritottam a babyparajt  .
Egy salàtàstàlba tettem az articsòkàt, a babyparajt,
a retket, egy csokor rucolàt.Citromlèvel, olivaolajjal
ès èdeskomèny levelekkel izesitettem.
A vègèn beszòrtam a reszzelt halikràval





 Baby spinach salad with radish and dried fish eggs


80 g baby spinach salad
2 artichokes
6 radishes
2 bunches of arugola
fennel leaves
Dried fish eggs ( tuna or mullet) 
lemon juice 
extravirgin olive oil 
  
Remove the external leaves of artichokes, cut off the top,
Cut  the remaining piece in half lengthwise. Remove the purple leaves and barbs.
Put artichokes in a bowl with cold water anf lemon juice.Drain and finely slice them.
Finely slice the radishes. Wash and drain baby spinach leaves. 
Put artichokes, spinach, radishes,argula and fennel leaves on the individual plates
Season with olive oil, lemon juice and sprinkle with dried fish eggs.Serve it immediately.






23 dicembre 2013










Scroll down for the recipe in english

Il 2013 sta per terminare, mancano pochi giorni e scommetto che tanti di voi come me dovranno cominciare  il 2014 con una bella dieta...:-) Fermi, fermi !!! Ci aspetta ancora la festa di San Silvestro e il frigo è ancora stracolmo di cibi prelibati avanzati dalle feste o perchè no già comprati per il cenone.

Possiamo comunque a far tacere  i nostri sensi di colpa consumando una bella insalata per pranzo, magra solo per modo di dire ( è un insalata ..:-)  visto che è rinforzata con il camambert di bufala che è tutto furchè un alimento magro. Ma sapete cosa vi dico? Chi se ne frega!!! Godiamoci gli ultimi giorni di festa poi...da Gennaio vi aspetto qui con delle ricette supermagre per dimagrire !


Scroll down for the recipe in english

Se avete avuto occasione di assaggiare il Camambert di bufala probabilmente correrete a preparare questo piatto, altrimenti  vi consiglio vivamente di assaggiarlo : è una bontà incredibile (scoperta da poco al banco gastronomia alla Coop). Io ho servito i crostini spalmati di Camambert
con un insalata di baby spinaci, uva red globe, nocciole tostate.

Questa ricetta è anche l'ultima ricetta di Paprika & Paprika per il 2013, noi ci rivediamo l'anno prossimo. Auguro a tutti Voi un felice e fortunato 2014!!


Scroll down for the recipe in english

Crostini di Camambert di bufala con baby spinaci, uva e nocciole tostate



Ingredienti x 4 
150 g di baby spinaci ( o quanto basta ) 
250 g di Camambert di bufala 
Fettine di pane casareccio 
Un grappolo d'uva Red Globe 
Una manciata nocciole tostate
Olio d'olive extravergine qb
Sale, 
Pepe macinato fresco

Lavate e asciugate l'insalata e l'uva. Fate tostare le fettine di pane casareccio. Tagliate a metà alcuni chicchi d'uva. Dividete le foglie di spinaci nei piatti individuali,  aggiungete alcuni chicchi d'uva interi e tagliati, una manciata di nocciole tostate tritate grossolanamente. Spalmate il camambert sui crostini e unite all'insalata quelli più piccoli. Condite tutto con l'olio d'oliva extravergine, sale e pepe macinato fresco.



Baby spinach salad with  red grapes, roasted hazelnut and Camambert cheese croutons



Ingredients x 4 
150 g  ( or more  )  baby spinach salad 
250 g  Camambert cheese 
Homemade bread 
a bunch of Red Globe grapes
a handful of roasted hazelnuts
olive oil, extravirgin
Salt
Freshly grounded black peper

Wash and dry baby spinach salad  and grapes. Slice and toast the homemade bread. Halve some grapes. Place  the spinach leaves on individual plates, add some whole and halved grapes, a handful of coarsely chopped hazelnuts. Spread the camembert on toasts and add to salad smaller ones. Season with extra virgin olive oil, salt and freshly grounded pepper.


Bèbiparaj salàta piros szolovel, porkolt mogyoròval ès Camambert sajtos crostinivel




Hozzàvalòk x 4 
150 g  ( vagy tobb tetszès szerint  )   bèbiparaj salàta  
250 g  Camambert sajt
Hàzikenyèr szeletek
egy furt Red Globe szolo
egy marèk porkolt mogyorò
oliva olaj, extraszuz
frissen daràlt fekete bors

A spenòt leveleket ès a szolot megmossuk, lecsopogtetjuk. Felszeleteljuk ès megpiritjuk a hàzi kenyeret. A felèt a szoloszemeknek kettèvàgjuk. A piritott crostiniket megkenjuk a Camambert sajttal. A salàtàhoz adjuk a szoloszemeket, a porkolt mogyoròt ès a kisebb crostiniket. Oliva olajjal,
sòval, frissen orolt fekete borssal izesitjuk.